MIMMO SCOGNAMIGLIO ARTECONTEMPORANEA



                                           Founded in 1995

   

HOME          NEWS          GALLERY          ART FAIRS           EXHIBITIONS          ARTISTS         CATALOGUES          CONTACTS

SERGIO FERMARIELLO

 

 

OPENING: 31 MAGGIO 2005

 

PERIODO: 1 APRILE - 10 SETTEMBRE 2005

 

ORARIO: LUNEDI' - VENERDI', 10.30 - 13.30 / 15.30 - 19.00

 

SEDE: VIA M. D'AYALA, 6 NAPOLI

 

 

la ricerca di Sergio Fermariello improntata sin dagli esordi della sua carriera artistica sul segno e sugli ideogrammi archetipici prosegue nella recente produzione di lavori realizzati in acciaio e alluminio.

 

il recupero di frammenti propri dell’antichità, il dialogo incessante tra contemporaneità e classicità in una continua contaminazione di segni guerriero che rimandano ai graffiti preistorici o di figure e simboli stilizzati ripresi da reperti archeologici vengono riprodotti in tridimensionale aprendo un nuovo discorso sulla profondità e sulla superficie.

 

come già in “avviso ai naviganti”, dove l’artista recuperava  dal frammento di un vaso rinvenuto a pithecusa gli elementi per la sua  constellazione di segni da abbandonare ai venti del golfo di napoli, così nei lavori più recenti fermariello utilizza cocci in acciaio.

 

i grandi totem murali sono frammenti ingranditi e isolati, una serie di addizioni sospese; ho cercato di creare due livelli, due lamelle, quella di fondo e’ bianca ed è il telaio su cui si regge il lavoro; li ho immaginati come coralli della memoria che riaffiorano dal mare o come affreschi di pompei condensati dalla lamiera”.

 

gli altri lavori in esposizione riprendono il segno del guerriero intagliato al laser su lamine di alluminio e tela, attraverso un’addizione di livelli.

 

artista di fama internazionale, sergio fermariello è nato nel 1961 a napoli dove vive e lavora. la sua notorietà ha inizio con il premio internazionale assegnatogli della saatchi & saatchi, nel 1989 e l’incontro con lucio amelio.

 

tra le mostre recenti: la retrospettiva in castel sant’elmo a napoli, curata da angela tecce (2004), la personale nella certosa di san michele a capri (2004), e  la mostra - scandita in due “episodi” - presso l’ istituto italiano di cultura e  la darsena “pier70” a new york(2005).