MIMMO SCOGNAMIGLIO ARTECONTEMPORANEA


Daniel González

Happy Accidents

exhibition project by Mariano Pichler 


OPENING DECEMBER 16 - 17 -18 2020


OPENING: 16 – 17 – 18 DICEMBRE SU APPUNTAMENTO

PERIODO:  21 DICEMBRE 2020 – 12 FEBBRAIO 2021

ORARI: LUNEDI’ – VENERDI’: 11:00 – 19:00 – SABATO SU APPUNTAMENTO

 

Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea è lieta di presentare Happy Accidents, la nuova mostra personale dell’artista argentino Daniel González. Il lavoro dell’artista multidisciplinare si concentra sul rapporto tra realtà digitale e realtà naturale, il cui intento è quello di operare un cambiamento di percezione e uno spostamento dei limiti personali. Le opere in mostra, scelte per ottenere un effetto celebrativo di “ritorno alla vita”, chiedono allo spettatore di mettere in discussione la realtà per come è conosciuta, per arrivare a vedere ciò che sta tra le righe.

 

I quadri esposti nascono come collage, per i quali viene effettuata una selezione di immagini provenienti da social media, GIF, effetti speciali cinematografici e videogiochi, mixate con fermo-immagini personali ereditati dall’esperienza di vita e dalla realtà naturale dell’artista. In questo modo, una banale macchia sul pavimento, trasferita su una tela diventa una scenografia sulla quale dipingere elementi tra i più disparati: pattern optical, lampade di design, disegni infantili, emoji, maschere e antichi oggetti rituali, frames di un film, tattoo, Las Bardas (tipici dipinti murali messicani che promuovono gruppi musicali), fotografie scattate con l’iPhone…

 

Le immagini si comportano come una macchina di Rube Goldberg, marchingegni composti da tessere di domino che, una volta azionati, provocano la reazione di ulteriori componenti, in azioni reali e concrete che impiegano una quantità di risorse sproporzionata rispetto al risultato da perseguire. Anche le diverse tecniche utilizzate nei dipinti, così come i soggetti, sono legati al proprio medium di appartenenza, siano essi naturali o digitali. Ad esempio, l’atto del cancellare una tela diventa espressione di intenzionalità ed imposizione dell’azione, che si sovrappone in questo modo all’azione primaria. Si viene creando quindi una tensione visiva che richiede allo spettatore la complicità necessaria per permettergli di arrivare a decifrare l’immagine.

 

Le opere di Happy Accidents sono un invito a spingersi verso l’ignoto, a compiere nuove esperienze che possano allargare il proprio campo percettivo. Come a voler mutare tutto in qualcosa d’altro, e compiere un salto verso luoghi fantastici dove avviene l’impossibile. Qui gli errori vengono accettati a favore della leggerezza, e in una dimensione spazio-temporale assolutamente personale, passato e futuro viaggiano come due treni sullo stesso binario in un tempo dilatato.

 

BIOGRAFIA

 

Daniel González (Buenos Aires, 1963) vive e lavora tra New York e Verona. Il suo lavoro nasce dalla ricerca sul rito della celebrazione e lo sconfinamento tra categorie; si declina in progetti pubblici chiamati “architetture effimere” ispirate alle macchine barocche del Bernini, banner-painting in paillettes cuciti a mano e pezzi unici indossabili presentati in performance ad alto impatto. Gonzalez crea mondi deliranti, pieni di energia, spazi di libertà dove le convenzioni esistenti collassano.

Nel 2019 presenta #whatsupargentina Mi Casa Tu Casa, la sua maggiore retrospettiva sulle architetture effimere al MAR Museo di Mar Del Plata (Argentina) e realizza l’architettura effimera “Mi Casa Tu Casa” come evento collaterale della biennale Manifesta 12 Palermo. Nello stesso anno partecipa alla XXII Esposizione internazionale della triennale di Milano con “KayCasaMaisonHome” ed è tra i finalisti del concorso pubblico per opere site-specific del nuovo Humboldt Forum di Berlino.  Nel 2017 riceve il grant dalla Pollock-Krasner Foundation di New York.

Ha esposto, inoltre, alla Zabludowicz Collection di Londra, al Musée d’Art Contemporain de Bordeaux, alla Pinakothek der Moderne di Monaco (DE), al Museo del Barrio (New York, 2011 Biennale Arte Contemporanea Latina), in Viafarini (Milano) e Marsèlleria (Milano), al Neuer Kunstverein di Aachen, alla seconda Biennale di Praga e a Manifesta 7 Trento/Bolzano, nelle gallerie Studio La Città (Verona), Diana Lowenstein (Miami, USA), Valentina Bonomo (Roma), Boccanera Gallery (Trento) e Spencer Brownstone (New York City) e nella fiera MACO Mexico, Città del Messico, nel festival Witte de With Festival di Rotterdam, nel Museo Casa di Giulietta (Verona), nel complesso monumentale Santo Spirito in Sassia (Roma) e nella Fondazione La Fabbrica del Cioccolato (Ticino, Svizzera). Le sue opere sono incluse in diverse collezioni private italiane e straniere, tra cui si ricordano Zabludowicz Collection (Londra), Fondation pour l’art contemporain Claudine et Jean-Marc Salomon (Francia), Tom Patchett (Los Angeles), Luciano Benetton (Venezia) e Patrizia Pepe (Prato).


OPENING: Dec. 16 - 17 - 18 BY APPOINTMENT ONLY

PERIOD: DECEMBER 21st, 2020 – FEBRUARY 12th, 2021

OPENING HOURS: MON – FRI: 11:00 – 19:00 – SATURDAY BY APPOINTMENT ONLY

 

Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea is glad to present Happy Accidents, a new solo show by Argentinian artist Daniel González. The work of the multidisciplinary artist gravitates around the relationship between digital and natural reality, with the aim of changing point of view and shifting personal limits. The selected works, which aim to celebrate a symbolic rebirth, demand the viewers to question reality as they know it, to see what’s beneath.

 

The works on display are conceived as collages, with images selected from social media, GIF, cinema special effects and videogames, mixed with personal stills derived directly from the artist’s experience and natural reality. In this way, a trivial stain on the floor, if transferred on a canvas becomes a set onto which it’s possible to paint different elements: optical patterns, designer lamps, childish sketches, emojis, ancient masks and ritual objects, movie frames, tattoos, Las Bardas (typical Mexican murals promoting local bands), pictures shot on iPhone…

 

These images behave like a Rube Goldberg machine, consisting of a series of simple unrelated devices that, once started, trigger other components’ reaction, intentionally designed to perform simple tasks in an indirect and overly complicated way. Seemingly, the different techniques and subjects of the paintings, are related to their own medium, being it natural or digital. For example, the act of erasing a canvas turns into an expression of intentionality and imposition of the action, which overlaps the primary action. By doing this, it generates a visual tension that demands the viewers’ complicity, which is mandatory to let them solve the picture.

 

The works in Happy Accidents are therefore an invitation to enter the unknown, pushing us towards new experiences that allow to extend one’s own perceptual field. They act like a driving force that turns everything into something else, that let us jump into fantastic places where the impossible becomes possible. Where flaws are completely accepted in favor of lightness, in a fully personal space/time dimension, and past and future run like trains on the same railway in a dilated time.

 

 

BIOGRAPHY

 

Daniel González was born in Argentina in 1963; he lives and works in New York and Verona (Italy). His work results from the research into celebration rites and cross-boundaries and it takes many forms: public projects, so called “ephemeral architectures” inspired by baroque celebratory machines, sequined banner-painting and wearable one-off pieces exhibited in high-impact performances. González creates irrational and energetic worlds, areas of freedom in which existing conventions collapse. In 2019 González presents #whatsupargentina Mi Casa Tu Casa, a major retrospective focused on his ephemeral architectures in MAR Museo in Mar del Plata (Argentina) and he makes “Mi Casa Tu Casa”, a huge site-specific ephemeral architecture during Manifesta 12 Palermo collaterals. Of the same year is “KayCasaMaisonHome” for the XXII Esposizione internazionale della triennale di Milano. In 2019 he is shortlisted for a site-specific work to be placed in Humboldt Forum inside Berlin Castle.

In 2017 the artist receives the Pollock Krasner Foundation (New York City) international grant. Among the others, he exhibited in Zabludowicz Collection (London), Musée d’Art Contemporain de Bordeaux, in the Pinakothek der Moderne in Munich (DE), in El Museo del Barrio (New York, 2011 Latino-America Biennial show), in Viafarini (Milan) and Marsèlleria (Milan), in Neuer Kunstverein (Aachen, DE), in Prague Biennial, Manifesta 7 South Tyrol and in the following art galleries: Studio La Città (Verona), Diana Lowenstein (Miami, USA), Boccanera Gallery (Trient, IT) and Spencer Brownstone (New York City). He produced site-specific ephemeral architectures for MACO Mexico, Mexico City, Witte de With Festival in Rotterdam, Juliet’s House Museum (Verona), Santo Spirito in Sassia (Rome) and The Chocolate Factory Foundation (Tessin, CH). His works are in several private collections in Italy and abroad, among the others Zabludowicz Collection (London), Fondation pour l’art contemporain Claudine et Jean-Marc Salomon.


prev next